gio 28 set | 19:30 | Mondomio, poesie di Cristiano Maria Carta

Il fascino dei versi di Carta è da cercare soprattutto nella freschezza espressiva, nel linguaggio terso che, passato attraverso il fuoco di molte controversie culturali e umane, nasce fermo e si staglia in una decifrabilità salda e accorata. Il poeta è coinvolto con la propria anima con il suo corpo, sa che deve far parlare le situazioni per essere efficace e resta sulla soglia, e tuttavia si sente che ogni parola, ogni verso, sono investiti da un fuoco sacro, che brucia le scorie e ne trae cristalli puri.

Iscriviti alla newsletter